Sale!
ISBN: 9788881031191

Un modello per la storia

19,63 16,68

Autore: Giuseppe Papagno
Pagine: 344
Immagini: no
Pubblicato: aprile 2000

Compara

Descrizione

Titolo: Un modello per la storia di Giuseppe Papagno

Tra l’espressione “buono da mangiare, buono da pensare” (aforisma di Claude Lévi-Strauss per identificare il pensiero selvaggio che crea le prime classificazioni sulla dicotomia commestibile/non commestibile) e il SI’/NO del computer passano migliaia di anni. Entrambi si rifanno allo stesso modo di orgnanizzare le informazioni, con una differenza fondamentale: nel primo caso si tende a classificare per sempre un mondo “stabile”; nel secondo si sa che il mondo è in movimento e che l’informazione è soggetta a manipolazioni continue e diverse. E dunque, sin dalle sue origini, la storia s ‘è dibattuta tra il fare riferimento a modelli stabili e il tentativo di cogliere il movimento e la trasformazione del mondo. Nel far ciò ha messo in campo, con intreccio variabile e diverso a un tempo, tre tipi di modelli: quello mentale della razionalità classica, i modelli storici e i modelli ideologici. L’impasse attuale deriva forse dalla difficoltà intrinseca di tali modelli a far presa su una realtà vorticosa . Se la storia è “scienza congetturale”, come ha affermato Fernand Braudel, allora in in un mondo nuovo occorrono altri modelli per “fare storia”. In quest’orizzonte si muove il volume di Giuseppe Papagno. La prima parte è dedicata al tentativo di creare un modello dinamico. La seconda presenta dei case studies, in cui il modello è stato messo a confronto, per valutarne sia l’attendibilità teorica, sia l’adattabilità teorica, sia l’adattabilità al movimento, sia la capacità di “spiegazione”: il fine più intimo della storia.

Informazioni aggiuntive

Peso 1 kg
Dimensioni 23 × 16 cm

Ti potrebbe interessare…

Sale!

Bit-à-brac

12,50 6,25

Autore: Alberto Salarelli
Pagine: 128
Immagini: no
Pubblicato: febbraio 2004
Scarica il pdf del libro